Menu Principale

Newsletter

CORACIAS (Gruppo Italiano Ghiandaia Marina) vi invita a partecipare al primo anno di rilevamenti di progetto per la Toscana. I risultati dell’anno zero sono consultabili sul blog: http://coracias.blogspot.it/ insieme alle finalità, la strutturazione e le modalità operative del Gruppo e un numero cospicuo di articoli. La Toscana è una delle regioni in cui si è evidenziato un livello di copertura piuttosto basso e quindi la richiesta del coordinamento nazionale è piuttosto urgente.

Tutto questo con la gratuità e la passione che ci muove al fine di predisporre un percorso che porti ad uno strumento di conservazione nazionale per Coracias garrulus. Le schede e le istruzioni sono richiedibili a coracias@coracias.net. Allo stesso indirizzo e-mail ci si renderà disponibili per le spiegazioni, se richieste. Un grazie dal coordinatore nazionale Angelo Meschini e cerchiamo che l’indaco e il turchese possano colorare per sempre la nostra primavera.

Simone Guidotti, fotografo naturalista, scrive di lui :"Nelle tue opere, caro Sandro, le tecniche hanno cambiato ordine, e la pittura diventa la inevitabile trasformazione di un modo tutto fotografico di vedere il mondo naturale che tanto ti appassiona, di ritagliare quei piccoli frammenti che difficilmente vengono visti, ma piuttosto evidenti per chi abbia dimestichezza con le pratiche fotografiche. La possibilità poi di non fermarti ad un istante unico e irripetibile, ma di elaborarlo con suggestioni, sentimenti e complicità a posteriori, rende ancor più vivo e vissuto l’insieme del tuo quadro. Dietro a quegli uccelli, a quei piccoli animali, a quella natura piena di luce e di colore che tu ci proponi, c’è solo ed esclusivamente la tua sensibilità, la tua passione, la tua conoscenza convertite da quella capacità di pensiero e di manualità che la natura stessa ti ha donato; non ha caso sei nipote di macchiaiolo."

Dopo due anni di pausa EBN Italia rilancia il censimento dei fenicotteri su scala nazionale nelle principali zone umide. Al censimento è abbinata la lettura degli anelli colorati eventualmente presenti, allo scopo di ricostruire gli spostamenti dei singoli individui a partire dai luoghi di nascita. Alcune cronistorie di vita ricostruite dall'ISPRA con i risultati ottenuti nelle edizioni passate mostrano come l'origine dei fenicotteri che troviamo in Toscana possa essere molto variabile. Alcuni, inanellati sul Delta del Po, fanno spola con le aree umide toscane; altri nascono in Francia e dopo esser stati in Sardegna o in Tunisia, fanno un salto in Italia per poi tornare in Francia; altri ancora nascono in Sardegna, vengono osservati in Spagna e poi in Italia.

Un'iniziativa mirata a ripulire la spiaggia della Darsena dalle lenze abbandonate. Questa incivile usanza provoca danni permanenti e la morte di decine di uccelli che sostano nell'area. Pulire questa spiaggia è un atto di amore verso il mondo alato. L'appuntamento per la pulizia del "triangolino" è domenica 18 ottobre 2009. La presenza delle numerose specie che sono state osservate negli anni sottolineano l'importanza ornitologica della zona; tra queste alcuni passeriformi, ma soprattutto limicoli (beccaccia di mare, corriere grosso, voltapietre, piovanello tridattilo etc) ed altri uccelli acquatici (edredone, svassi, strolaghe, smerghi e gabbiani), comprese anche specie rare come moretta codona e sterna di Dougall.

Progetto ARCEHir - LAGO DI PORTA 2006” ARCEHir sarà impegnata con la propria rappresentanza europea nella Campagna di studio Progetto ARCEHir - LAGO DI PORTA 2006del dormitorio pre-migratorio autunnale presente nell’ANPIL Lago di Porta, loc.Montiscendi (MS-LU). Le rondini di Porta diventano messaggere in volo tra due continenti, grazie al sostegno riconosciuto ad ARCEhir dal Comitato di Gestione dell’ANPIL che renderà possibile le sessioni di inanellamento tra agosto e settembre e, novità assoluta, la nascita di un gemellaggio tra le scuole di Montignoso e di Pietrasanta e le scuole rurali congolesi dove opera ARCEHir per scambi di esperienze didattiche sul tema della conservazione della Natura.

Tutti gli appassionati di natura sono chiamati a partecipare, sarà possibile assistere alla più grande concentrazione di uccelli (max. 500.000) osservabile in centro Italia, con trasferimento successivo al Parco Didattico WWF di Ronchi, grazie alla collaborazione della Sezione WWF Massa Carrara, per le interessanti sessioni di inanellamento che seguiranno. Date delle sessioni di cattura(inizio ore 18.30) e responsabili. Sarà donato, a chi vorrà sostenere l’azione di ARCEHir con una donazione volontaria, un certificato di adozione di una Rondine, attraverso l’abbinamento del nome del donatore al codice alfanumerico apposto sull’anello metallico di marcaggio del piccolo migratore.

Birdwatching in Italia

Molti appassionati della natura ed in particolare del birdwatching, si chiedono dove è possibile in Italia praticare questa innovativa ed interessante attività. La risposta non è difficile, poiché lo si può praticare sia nei paesaggi rurali e alpini, che nei parchi delle grandi città come Roma o Milano. La città ambrosiana infatti, è sicuramente un luogo adatto, un ottimo posto per vedere alcuni uccelli molto interessanti. Tra l’altro un grande vantaggio del birdwatching a Milano è naturalmente oltre alle zone montane adiacenti, la splendida cornice dell’antico Castello Sforzesco, oppure nel parco dedicato allo scrittore Indro Montanelli sul Corso Buenos Aires o ancora nel parco Lambro, quest’ultimo uno dei più grandi della città con più di settecentomila metri quadrati.

Fare del birdwatching non significa quindi ammirare solo passeri o merli, ma anche gabbiani oppure cornacchie. Se dunque si ha voglia di trascorrere delle ore spensierate in uno di questi parchi della città meneghina, e si intende farlo in compagnia della famiglia, sarà senza dubbio un’esperienza nuova e piacevole per tutti. Tra l’altro si potrà godere dell’aria aperta, vedere tantissime persone che fanno jogging, dei bambini che giocano o ancora un signore che fa una bella passeggiata insieme ad una ragazza dell’agenzia http://www.escortforumit.xxx oppure si diverte anche lui ad ammirare alcuni esemplari di uccelli, nell’attesa che si faccia l’ora dell’appuntamento. Anche a Roma città, ci sono molti parchi con numerosi uccelli: Villa Ada, Villa Doria Pamphili e il Parco degli Acquedotti. Vi è anche una Riserva Naturale della Valle dei Casali, dove è possibile invece osservare il barbagianni.

Il periodo migliore per il birdwatching in Italia

La primavera e l'autunno sono certamente le stagioni migliori per ammirare gli uccelli. Cercare inoltre di uscire all'alba come la maggior parte degli uccelli stessi, è un opzione da non sottovalutare poiché quando c'è molta più gente in giro, se ne vedono molto pochi.

In Italia ci sono molte specie di uccelli di specie mediterranea, che detengono il primato di essere tra i più ammirati; infatti, tra questi troviamo il Nibbio bruno, ovvero un uccello migratore amante degli ambienti acquatici, che è da osservare attentamente per la sua eleganza quando cioè è in picchiata, poiché cattura i pesci che galleggiano nell’acqua, per poi risollevarsi in volo consumando direttamente la preda. Tra gli altri uccelli da non perdere nella pratica del birdwatching troviamo la Gran Cannaiola, il Gruccione, l’Upupa, il Rondone pallido e il Pendolino, quest’ultimo strutturato con il capo di colore grigio e con una mascherina nera. Ammirarlo durante il volo è piacevole, poiché ciò avviene in modo ondulato e a bassa quota. Si nutre di insetti, è vale la pena osservarlo anche per le sue migrazioni nel preparare il nido. Sia a Milano che a Roma non mancano tuttavia alcune specie piuttosto rare; infatti, spesso nei parchi si possono notare il beccaccino o il pappagallo, ovvero un uccello che non ama il troppo freddo e sceglie le piante esotiche se presenti.